Cinque caratteristiche che devono tornare in The Elder Scrolls 6

Cinque caratteristiche che devono tornare in The Elder Scrolls 6

Indipendentemente da come la si guardi, The Elder Scrolls V: Skyrim è stato un punto di svolta per la serie. Mai prima d’ora la serie fantasy RPG di Bethesda aveva attirato così tanto il pubblico, qualcosa che era probabilmente dovuto sia all’eccellente marketing che alla facilità con cui i nuovi arrivati ​​potevano entrare e iniziare a esplorare. Skyrim è andato senza molte delle caratteristiche che hanno definito i precedenti giochi di Bethesda, quindi ora che i giocatori hanno avuto più di dieci anni per abituarsi a The Elder Scrolls, forse Bethesda potrebbe ripetere quanto segue quando alla fine spediranno The Elder Scrolls VI.

Build di personaggi specializzati

Uno dei grandi cambiamenti introdotti in Elder Scrolls V: Skyrim era un sistema di progressione più o meno illimitato. Invece di dover costruire i nostri personaggi per essere guerrieri, maghi o ladri, siamo stati, con abbastanza tempo, in grado di diventare bravi in ​​tutto. Questo sistema all’inizio era davvero liberatorio, ma ha anche reso facile interrompere i giochi di ruolo e impostare semplicemente ciò che funziona meglio. Chiedendo ai giocatori di impegnarsi in build di personaggi più specializzate, Bethesda potrebbe fare di più per rendere ogni archetipo più distinto. Non saremmo in grado di fare tutto in una volta, ma con il probabile compromesso di divertirci molto di più a giocare a The Elder Scrolls VI più volte.

Dialogo influenzato dal personaggio

Con il ritorno di personaggi più specializzati, Bethesda potrebbe anche giustificare il ritorno di dialoghi unici e risoluzioni influenzate dalla build del personaggio per alcune missioni. Cioè, potremmo essere ricompensati per aver creato i nostri personaggi in un certo modo. Questo tipo di sistema è stato utilizzato con grande efficacia in giochi come Fallout 3, in cui potevamo usare le abilità, gli attributi e il background del nostro personaggio per fare cose come evitare combattimenti, ottenere ricompense migliori o persino risoluzioni drammaticamente diverse per determinate missioni. Immagina quanto potrebbe essere più interessante un gioco di Elder Scrolls se i giocatori potessero parlare con gli NPC come guerrieri o se potessero essere riconosciuti come ladri in base alla loro abilità di furtività. Una versione modernizzata di un tale sistema potrebbe creare una vasta gamma di possibilità per i giocatori e rendere le partite aggiuntive ancora più attraenti.

Creazione di incantesimi

Uno dei maggiori vantaggi di giocare un mago, un mago guerriero o una spada magica in Morrowind o Oblivion era la capacità di creare i propri incantesimi, incantesimi e pozioni. Gli ultimi due erano anche in Skyrim, ma in una forma molto più limitata. La creazione di incantesimi nei giochi precedenti non aveva praticamente limiti. Tutti i tipi di effetti possono essere combinati in un singolo incantesimo o incantesimo e tutto ciò che devi fare in anticipo è imparare un incantesimo di base con l’effetto desiderato.

Potresti creare qualcosa che prosciughi tutte le statistiche di forza di un nemico e renda i suoi attacchi innocui. Potresti eseguire un incantesimo pesante che immobilizza i nemici per oltre un minuto o potenziare l’agilità così forte da poter camminare sull’acqua o saltare dall’altra parte del mondo. Tali incantesimi richiedevano grandi quantità di magicka e abilità magiche elevate da usare, ma il punto è che i giocatori potevano fare praticamente tutto ciò che volevano con loro. Sicuramente c’è un potenziale di rottura del gioco qui, ma poi quel tipo di libertà è ciò che riguarda i giochi open world, giusto? Ora che così tanti giocatori hanno avuto così tanti anni per abituarsi alla magia di base di Skyrim, perché non riportarla indietro e lasciarli davvero correre nel prossimo gioco?

Sistema di reputazione

Una delle cose divertenti di Skyrim è che il Sangue di Drago potrebbe finire per essere il leader di quasi tutte le principali fazioni allo stesso tempo. Puoi anche essere contemporaneamente il “prescelto” speciale di ogni Principe Daedrico. Questo non dovrebbe essere possibile dal punto di vista della tradizione, quindi Skyrim lo aggira mantenendo le fazioni e i principi ignoranti l’uno dall’altro. Quanto sarebbe interessante se i nostri rapporti con la Gilda dei Ladri fossero influenzati dal nostro status di campionessa di uno dei suoi nemici, diciamo Azura o Mehrunes Dagon?

Non avremmo necessariamente bisogno di essere esclusi dalle principali serie di missioni, ma forse potremmo svolgere compiti aggiuntivi o completare diversi controlli di persuasione per progredire. Forse potremmo anche vedere aspetti completamente diversi di alcuni NPC a seconda delle missioni che hanno già completato e delle alleanze che hanno già formato? Fallout: New Vegas ci ha presentato alcune delle possibilità nel 2010, quindi sarebbe fantastico vedere Bethesda espanderlo ulteriormente in un vero gioco di Elder Scrolls.

Un mondo di scoperte

A parte tutte queste chiacchiere, però, c’è una ragione per cui Skyrim non solo è sopravvissuto, ma è rimasto rilevante per oltre dieci anni, ed è qualcosa che deve essere continuato in The Elder Scrolls VI. Sebbene ci fossero giochi open world prima di Skyrim, era quello che mostrava a tutti il ​​vero potenziale del genere. Più di ogni altra cosa, Skyrim ha raggiunto un senso di scoperta ancora ineguagliato. La sua mappa non era solo piena di punti di interesse poco profondi come accampamenti di banditi o grotte di una sola stanza, ma piuttosto tonnellate di luoghi interessanti che hanno acceso l’immaginazione e premiato i giocatori che li hanno visitati. Potremmo iniziare da qualsiasi punto della mappa, scegliere una direzione e quindi probabilmente imbatterci in qualcosa di interessante entro un paio di minuti.

Questo è forse il più grande successo di Skyrim e il pilastro più importante su cui The Elder Scrolls VI deve basarsi. Fortunatamente, è probabilmente anche quello che Bethesda Softworks è più desideroso di duplicare, quindi probabilmente non c’è bisogno di preoccuparsi. Tuttavia, l’enorme mappa di Skyrim sarà difficile da superare, quindi, invece di qualcosa di ancora più grande, forse avremo un mondo più piccolo ma ricco di contenuti ancora più significativi.

Naturalmente, non tutti apprezzerebbero il ritorno di tutti questi, quindi forse quelli più restrittivi potrebbero essere contenuti in qualcosa come una funzionalità di “difficoltà classica”. Ad ogni modo, ci sono molte altre caratteristiche interessanti là fuori che renderebbero The Elder Scrolls VI un’esperienza fantastica. Condividi alcuni dei tuoi desideri con noi nei commenti!

Mazorca

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.